Informazioni

Il Master in Giornalismo ‘Giorgio Bocca’ di Torino è nato nel 2004 per iniziativa dell’Ordine dei Giornalisti (nazionale e regionale) e dell’Università ed è stato intitolato a Giorgio Bocca nel 2013. Aperto alla frequenza a studenti da tutta Italia, costituisce un punto di riferimento per una vasta area geografica che comprende Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Si è consolidato nel contesto della formazione al giornalismo riconosciuta dall’Ordine nazionale dei giornalisti: le scuole attualmente riconosciute in Italia sono 11, ma è l’unica nel Nord-Ovest .

.


Il Master sostituisce il periodo di due anni di praticantato previsto dalla legge per sostenere l’esame di Stato e conseguire il titolo professionale ed è in diretto contatto con la realtà dell’informazione e dell’editoria attraverso accordi di stage e collaborazioni.

.



Si tratta di un percorso post-laurea al quale accedono venti studenti attraverso una selezione. La classe è impegnata nella didattica teorica e pratica a tempo pieno e frequenta corsi accademici e laboratori condotti da giornalisti professionisti, nell’ambito dei quali si realizza il sito online www.futura.news, il quindicinale pdf Futura, un giornale radio quotidiano in onda su Radio 110, un tg settimanale, una newsletter periodica, simulazioni di agenzia di stampa, oltre a podcast, video e l’aggiornamento degli account social della testata (tutti gli studenti devono gestire Facebook, Twitter, Instagram, YouTube).

.


La figura professionale che il Master si propone di formare è quella di un giornalista professionista che possa operare con competenze interdisciplinari nei diversi settori della professione (ambienti digitali, carta stampata, radio, tv, social network) e negli uffici stampa pubblici e privati, secondo la legge 150/2000.

.

Il Master prevede un’organizzazione intensiva delle attività, integrando in modo funzionale la formazione culturale superiore alla pratica professionale.

.

Il Master fornisce a chi studia le conoscenze e le competenze fondamentali della professione giornalistica. Gli studenti e le studentesse saranno formati per scrivere articoli, realizzare foto notizie e produrre servizi radiotelevisivi, e per praticare le tecniche del giornalismo digitale tra social media, big data e fact-checking.

.

Le professioni nel mondo dell’informazione sono nel mezzo di un cambio di paradigma e il Master ha, tra i suoi obiettivi prioritari, la formazione di giornalisti e giornaliste attrezzati con le competenze professionali, culturali e tecnologiche adeguate, integrando i diversi linguaggi della comunicazione che coesistono negli ecosistemi del giornalismo digitale contemporaneo. Sono allora oggetto di formazione ed esercitazione anche conoscenze avanzate in merito al funzionamento degli algoritmi applicati al campo informativo, dei bot come amplificatori di viralità negli ecosistemi della comunicazione digitale, nonché delle implicazioni dell’intelligenza artificiale su produzione e consumo di contenuti. Saranno infine esplorati ed esperiti i nascenti modelli imprenditoriali per la sostenibilità del settore.

.

Il Master offre un percorso di specializzazione basato sia su qualificate docenze universitarie, che offrono le conoscenze teoriche e metodologiche necessarie a misurarsi con la complessità di un giornalismo in costante trasformazione e sempre più orientato alla valorizzazione dei “saperi esperti”; sia sull’addestramento alle competenze pratiche e operative per la realizzazione di prodotti editoriali online (tra cui infografica e data visualization, data-journalism, fact-checking digitale) e dell’audiovisivo (tecniche di conduzione, stand-up, riprese e montaggio per la televisione e i video digitali; tecniche di scrittura, conduzione e produzione per la radio e il podcasting), con focus più strutturati sul giornalismo economico e su quello scientifico scientifico.


La testata del Master, che raccoglie tutte le sue declinazioni (online, pdf, tg, radio e social), è







Pagina aggiornata al 24 luglio 2020